Opinioni a confronto


  • Il concorso truccato per magistrati. Un avvocato svela la truffa del 1992

    Il concorso truccato per magistrati. Un avvocato svela la truffa del 1992

    di Selma Chiosso | del 28/09/2017
    Segnalo quest'interessante articolo di Selma Chiosso sul pessimo funzionamento dei concorsi in Italia (La Stampa 28-9- 2017).   "Era vestita di bianco, Francesca Morvillo. È il 23 maggio 1992 e all’hotel Ergife di Roma è...
    continua
  • Temi e riassunti

    Temi e riassunti

    di Giuseppe Bagni | del 28/09/2017
    Giuseppe Bagni risponde alle dichiarazioni del prof. Serianni.   "Su La Repubblica del 18 settembre 2017 si legge: 'Meno temi e più riassunti in classe. Per 'allenare i ragazzi a strutturare un testo'. (La svolta di Mister italiano, 'Dalle medie alla maturità meno temi e più riassunti'). Mister italiano sarebbe l'illustre studioso Luca Serianni, che  avendo ricevuto dal Miur l'incarico di consulente per l'apprendimento della lingua italiana, propone di arginare le carenze linguistiche più gravi degli studenti con...
    continua
  • Il trucco dei baroni

    Il trucco dei baroni

    di Sergio Rizzo | del 27/09/2017
    A seguire un altro articolo pubblicato da Sergio Rizzo (Repubblica, 27-9-2017) sulla credibilità delle istituzioni universitarie che purtroppo ci disonorano. Le Università dovrebbero essere, come scrive S. Rizzo," l'incubatore del progresso sociale in tutti i Paesi avanzati". Mentre, da quanto si legge e molti di noi hanno direttamente o indirettamente sperimentato, l'Università "si è ridotta alla stregua di un mercato che funziona sullo scambio di favori a seconda delle rispettive convenienze perché da lì scaturiscono incarichi, denaro, potere. Perdendo di vista la missione e il ruolo dell'insegnamento accademico in...
    continua
  • La magistratura scopre l'acqua calda nelle Università

    La magistratura scopre l'acqua calda nelle Università

    di Raffaele Simone | del 26/09/2017
    Raffaele Simone ha così commentato su Facebook l'articolo pubblicato da Grazia Longo  (La Stampa, 26-9-2017):Questi forse erano un po' più malandrini e sfacciati degli altri, ma così vanno le cose normalmente, in quel mondo (e sicuramente anche in altri della sfera pubblica). Va detto anche che chi si oppone a quelle regole si accorge presto di essere rimasto solo e isolato... Piuttosto che arrestarli (o arrestarci, quando c'ero anch'io) tutt*, sarebbe...
    continua
  • Concorsi truccati all'Università.

    Concorsi truccati all'Università.

    di Grazia Longo | del 26/09/2017
     Segnalo quest'articolo interessante di Grazia Longo pubblicato su La Stampa: Diamo vita a una nuova cupola. Così parlava l'ex ministro Fantozzi.    Professori apparentemente rivali, in realtà alleati per spartirsi la ricca torta delle cattedre universitarie. Prima ancora che venisse sorteggiata la commissione nominata dal Miur per l’abilitazione scientifica nazionale per cattedre universitarie di diritto tributario....
    continua
  • Scuola, la denuncia di Sabatini: «Ha smesso di insegnare l’italiano»

    Scuola, la denuncia di Sabatini: «Ha smesso di insegnare l’italiano»

    di Francesco Sabatini | del 26/09/2017
    Riporto quest'intervento di denuncia del Prof. Sabatini presidente onorario dell'Accademia della Crusca,pubblicato sul Corriere.it, 23 settembre 2017 Stiamo assistendo a un fenomeno: i mali del nostro sistema di istruzione vengono spesso denunciati pubblicamente non dalla scuola, ma dall’Università e, a livelli più avanzati, dagli ordini professionali. Non si contano le lamentele dei professori di Giurisprudenza sull’incapacità degli...
    continua
  • La scuola di cui abbiamo bisogno

    La scuola di cui abbiamo bisogno

    di Giuseppe Bagni | del 20/09/2017
    Non è facile intervenire dopo gli annunci della sperimentazione di un accorciamento del percorso di studi per tutti, e quello quasi contemporaneo di un obbligo d'istruzione fino a 18 anni per tutti. Come dice giustamente Mariapia Veladiano ci vuole una buona bussola per non perdersi. Ma Mariapia ha soprattutto ragione quando mette in evidenza che non sono queste le priorità della scuola. Da anni l'Italia partecipa ai rilevamenti internazionali e l’Invalsi produce dati regolarmente diffusi sullo stato del nostro sistema d'istruzione. Da essi sappiamo con precisione quali sono le emergenze. Sono la diseguaglianza del sistema a livello regionale;...
    continua
  • You Can

    You Can

    di Maria Piscitelli | del 09/05/2017
    Domenica 7 maggio 2017 si è svolto alla scuola Città Pestalozzi il 12° Seminario nazionale sul curricolo verticale del Cidi di Firenze. La giornata è stata intensa e gratificante per cui vorrei calorosamente ringraziare coloro che vi hanno partecipato. Eravamo, come sempre, tanti (300) a testimoniare la passione e l'impegno per la costruzione della "nostra" buona scuola. I presenti provenivano prevalentemente dalla Toscana, iscritti al Cidi e non, comunque in gran parte incontrati dalla nostra associazione...
    continua
  • Giù le mani dalle Indicazioni Nazionali

    Giù le mani dalle Indicazioni Nazionali

    di Giuseppe Bagni | del 08/02/2017
    Si segnala l'importante Documento scritto dal Presidente nazionale del Cidi in risposta alla lettera-appello del gruppo dei 600.Alla Ministra dell’Istruzione e della Ricerca Il problema delle competenze linguistiche inadeguate sollevato dal gruppo dei 600, deriva da una politica ministeriale sulla formazione in servizio che non è stata mai centrata sugli aspetti fondamentali della riqualificazione del fare scuola reale, quali quelli di garantire competenze linguistiche...
    continua
  • "Le avventure di Girolama e Calimero” di Maria Rosa Giannalia

    di Maria Piscitelli | del 25/11/2016
    Il progetto di scrivere “Le avventure di Girolama e di Calimero” è nato, come afferma l’autrice, per caso “mentre passeggiavo nel parco con la mia nipotina Rebecca parlando con lei, rispondendo alle sue domande, e spesso, inventando risposte per lei plausibili. E anche a casa, nelle giornate ventose quando lei ed io ci facevamo compagnia inventando tante avventure di una piccola protagonista alla quale abbiamo voluto dare un nome-parlante: Girolama”.   Un racconto autobiografico quindi in cui la scrittrice, condotta per mano dalla sua nipotina, entra in punta...
    continua